Come superare i pesci predatori con una spina nella pesca a spinning

Molti pescatori non sanno quanto tempo fa siano state inventate alcune esche artificiali. Questo vale, tra l’altro, per il wobbler, che veniva pescato già verso la fine del XIX secolo. All’epoca erano ancora in legno e solo poche persone potevano permettersi di pescare con queste esche.

Oggi la situazione è molto diversa. L’attrezzatura per la pesca a spinning è già disponibile per pochi soldi. Anche le esche vere e proprie possono essere acquistate a buon mercato. Non c’è da stupirsi che molti pescatori facciano scorta di spine. Questa esca esercita un grande fascino non solo sui pesci predatori, ma anche su molti appassionati di pesca.

I plugs sono disponibili in molti colori e forme diverse.

Il termine wobbler non è altro che un’esca utilizzata nella pesca a spinning. Si tratta di un’esca artificiale che dovrebbe rappresentare un pesce. Ecco perché questa esca, solitamente molto colorata, è ideale per la pesca al luccio o al lucioperca.

Mentre le prime esche erano in legno, tutti i nuovi modelli sono in plastica. La plastica ha il vantaggio di poter essere esposta a condizioni molto più difficili. Inoltre, la plastica non può essere impregnata d’acqua e quindi ha sempre una galleggiabilità altrettanto forte. Per agganciare i pesci predatori in modo sicuro, uno o più ami da traina sono attaccati a un wobbler, a seconda delle dimensioni.

Per quanto riguarda la varietà di modelli, questa si estende su un ampio spettro. Ad esempio, ci sono spine dipinte con vernice luminosa, mentre altre sono riempite con piccole palline che creano un suono sferragliante quando vengono utilizzate.

Bestseller No. 1
Barbara Throws a Wobbler
  • Shireen, Nadia (Autore)
Bestseller No. 2
East Rain Esche da Pesca Awaruna Esche Artificiali Wobblers Soft Lures Shad Carp Swimbaits
  • Materiale:PVC,13 cm/10.4g, Qtà:4 pezzi/pacco
  • La scanalatura cava interna offre ulteriore flessibilità, mentre il design True-to-Life attira più attacchi.
  • le costine laterali arricchiscono l'azione di nuotata con nuove nuances attraenti, il design ingegnoso del corpo offre...

All’estremità anteriore del wobbler si trova la cosiddetta paletta. A seconda del modello, la pala è fissa o regolabile in angolazione. A seconda dell’angolo impostato e della velocità di recupero, cambia il comportamento di nuoto o di immersione. Più l’angolo è ripido, più l’esca artificiale viene trascinata in profondità, perché le spine hanno fondamentalmente galleggiamento e nuotano. Di solito, sopra il wobbler scoop, in cima alla testa, c’è un anello elastico che serve a fissare l’esca artificiale alla lenza principale. Non dimenticate di aggiungere una girella e un leader in acciaio.

Materiale

Un tempo le spine erano realizzate in legno. Oggi se ne trovano soprattutto di plastica. Tuttavia, ci sono anche produttori che hanno ancora wobbler in legno nella loro gamma. In ogni caso, sono decorati con vernice in una varietà di motivi e colori.

Le forme

La forma è fondamentale per il pesce bersaglio. È possibile catturare il lucioperca con spine lunghe e sottili. Per la pesca al luccio si utilizzano esemplari grandi, a partire da 15 cm. Questi possono anche essere più spessi. In generale, comunque, esistono molte forme diverse.

Wobbler zum Raubfischangeln
Una selezione di diverse spine. © Paul Lahrmann

Variazioni

I plugs sono disponibili in molti colori e forme diverse. Sono anche dotati di palline nel corpo per rendere l’esca ancora più efficace. Più l’acqua è limpida, più il colore del wobbler è naturale. Più l’acqua è torbida e profonda, più i colori sono brillanti. Tuttavia, non esiste una soluzione unica per tutti.

Tipi

Corpi singoli e multipli. Quelli in più parti dovrebbero imitare meglio i pesci veri. Sono costituiti da due o tre arti collegati tra loro con anelli di filo. Scorrono più agevolmente in acqua rispetto ai corpi monopezzo.

Leader

Quando si pesca con un wobbler, utilizzare sempre un leader in acciaio e non legare mai il wobbler direttamente alla lenza principale. I wobbler abboccano soprattutto

Lama affondante

  1. Angolo ridotto tra la lama e l’asse del corpo dell’esca: corsa in profondità
  2. Lama a forte inclinazione: corsa poco profonda
  3. Lama larga: comportamento aggressivo in corsa
  4. Lama stretta: comportamento di corsa tranquillo
  5. Più l’occhiello è avanzato, più l’azione subacquea è dolce e la profondità di immersione è ridotta.
  6. Più l’occhiello è arretrato, più il gioco sott’acqua è pronunciato e la profondità di immersione è maggiore.
Schaufeln Wobbler
Le dimensioni e la forma della pala determinano la profondità di immersione di un wobbler. © Paul Lahrmann

Guidare correttamente l’esca artificiale wobbler

Uno degli errori più grandi nella pesca delle spine è lanciare l’esca senza sapere come si comporterà in acqua. Ogni nuova esca artificiale che non avete mai pescato prima dovrebbe essere prima pescata a vista. In questo modo è possibile scoprire rapidamente come si comporta l’esca o come reagisce alle singole azioni della canna o del mulinello.

Alla fine, l’esca può essere guidata in molti modi diversi. È consigliabile non limitarsi a lanciare le esche a manovella. Questa esca artificiale, in particolare, può essere utilizzata in molti modi diversi, motivo per cui è consigliabile sfruttare questa opzione. Anche il semplice inserimento di brevi soste è considerato una misura efficace. Lasciare riposare l’esca per uno o due secondi e poi riavvolgerla invoglia molti predatori ad abboccare.

A seconda del wobbler, è possibile anche il twitching. Colpendo la lenza con la punta della canna, l’esca artificiale si muove a scatti, ad esempio, in modo da spezzarsi lateralmente. I twitch wobbler e i jerkbait speciali consentono alcune variazioni insolite nella presentazione dell’esca, che tuttavia possono essere apprese rapidamente. Per imparare il maggior numero possibile di trucchi, è meglio guardare alle spalle di un pescatore a spinning esperto.

Kleine Wobbler zum Angeln
Queste piccole spine possono essere utilizzate per catturare persici o trote. © Paul Lahrmann