Sventrare un’anguilla: più facile di quanto sembri!

I fatti più importanti in breve Eviscerare un’anguilla – sembra un lavoro impegnativo. Soprattutto perché un pesce così lungo ha sicuramente molte cose da sventrare. Giusto? – No, non è vero. Eviscerare un’anguilla non è …

Sventrare un’anguilla: più facile di quanto sembri!

Aal ausnehmen
  1. Rivista
  2. »
  3. La pesca
  4. »
  5. Sventrare un’anguilla: più facile di quanto sembri!

I fatti più importanti in breve

Quando si sventra un’anguilla?

La cosa migliore da fare è eviscerare un’anguilla subito dopo averla catturata, una volta uccisa e svuotata. Prima di eviscerare un’anguilla, è necessario eseguire questa operazione.

Perché un’anguilla non viene stordita?

Di solito l’anguilla non viene stordita durante la pesca perché la sua pelle e il suo corpo scivoloso la rendono difficile da trattenere e stordire. In questo modo è possibile continuare a lavorare l’anguilla….

Quando non si dovrebbe mangiare l’anguilla?

Si raccomanda di non mangiare anguille provenienti da acque inquinate, poiché possono contenere alte concentrazioni di metalli pesanti e altri inquinanti.

Eviscerare un’anguilla – sembra un lavoro impegnativo. Soprattutto perché un pesce così lungo ha sicuramente molte cose da sventrare. Giusto? – No, non è vero. Eviscerare un’anguilla non è più faticoso che eviscerare una trota.

Prima di poter sventrare un’anguilla, bisogna fare qualcos’altro.

Alcuni pescatori eseguono un punto cuore sull’anguilla per ucciderla. Sebbene questo metodo sia meno efficace del punto sul collo, richiede una mano ferma e molta esperienza per eseguirlo correttamente”.

E questo per uccidere l’anguilla. Per molti è difficile perché non sanno come uccidere un’anguilla. Purtroppo su Internet e in TV si sentono molte cose barbare. Si va dall'”affogare l’anguilla nell’acqua minerale” al “colpirla a terra”. Queste cose non solo sono inefficaci, ma anche chiaramente vietate. Si tratta di crudeltà verso gli animali.

C’è solo un modo corretto per uccidere un’anguilla. È il colpo al collo. Non richiede molta forza, ma molto impegno, soprattutto se si tratta della prima anguilla. Ricordate che una fine rapida è una buona fine! Non appena il punto del collo è stato eseguito, l’anguilla non sente nulla. Si può riconoscere una puntura riuscita dal fatto che tutta la tensione corporea viene immediatamente rilasciata dall’animale.

Nota: la puntura al cuore dell’anguilla è un metodo meno efficace della puntura al collo per uccidere un’anguilla, poiché l’anguilla ha un forte sistema cardiovascolare e la puntura al cuore non è sempre affidabile.

Le anguille sono scivolose, alcuni le descrivono come viscide. Questo è vero in molti casi, ci sono perfino i pesci grillo e altre forme incredibili di questi pesci! Ma anche le anguille non viscide sono dannatamente veloci, scivolose e agili, ed è per questo che hanno la tendenza a scappare.

Con una forma del corpo molto simile a quella di un serpente, possono persino superarvi in giardino! Quindi afferratela con forza, altrimenti perderete l’anguilla e questo non è un bene per l’anguilla. È un pesce, non un abitante della terraferma. Forse uno strofinaccio da cucina vi aiuterà ad afferrare meglio l’anguilla.

Anguilla

L’anguilla è un pesce che si trova in acqua dolce e salata ed è nota per la sua carne bianca e tenera e per l’alto contenuto di grassi. Le anguille sono animali notturni che si nutrono di insetti, crostacei e pesci e si trovano in molti paesi diversi, tra cui Europa, Asia e Nord America. Le anguille sono molto apprezzate dai pescatori e dai cuochi e possono essere preparate in vari modi, come alla griglia, affumicate, fritte o al vapore.

Un’area di lavoro pulita è il primo passo per sventrare con successo un’anguilla.

Il primo taglio quando si sventra un’anguilla si effettua sul ventre dell’animale. Posizionare il coltello appena prima della pinna caudale, all’altezza dell’ano, e guidarlo verso la testa. Assicurarsi che il coltello sia inclinato. L’anguilla è un pesce di piccolo diametro, detto anche non alto, per questo le interiora non sono lontane dalla carne. La lama deve essere rivolta lontano dal pesce per non ferire l’intestino.

Una piccola differenza rispetto agli altri pesci è che ora bisogna tagliare anche qualche centimetro dall’ano verso la coda. Questo perché lì c’è un altro organo, il rene della coda.

Suggerimento: sviscerare e spellare le anguille è un’abilità importante che ogni pescatore dovrebbe imparare prima di preparare le proprie catture.

L’anguilla è ora aperta davanti a voi: ecco come sventrarla correttamente

Ora dovreste vedereuna specie di filo di sangue. All’estremità inferiore del taglio dovreste essere in grado di raggiungerlo con un dito. Cercate con attenzione di rimuovere questo filo di sangue in un unico pezzo: arriva fino alla coda dell’anguilla ed è quindi un filo piuttosto lungo. A volte non funziona e il filo si rompe: è fastidioso, ma è tutto.

Il filo di sangue è stato rimosso? Bene, ora è il momento dell’intestino. Trovate un buon punto dove poterli afferrare. Il rene posteriore, che si trova dietro l’ano, è una buona idea. Se riuscite ad afferrarlo bene, potete rimuovere tutti gli organi fusi in un colpo solo.

Questo è tutto il lavoro da fare quando si sventra l’anguilla. Ora il pesce deve essere pulito. Siete voi a decidere quanto debba essere pulita la cavità addominale. La maggior parte dei pescatori e dei cuochi è soddisfatta quando non ci sono più macchie di sangue chiaramente visibili.

Opzionale dopo che l’anguilla è stata eviscerata

La rimozione delle interiora è una fase importante della preparazione dell’anguilla per la cottura.

Degommatura

Alcuni animali sono piuttosto viscidi, anche se non si tratta di un pesce di mare. Se volete, potete asciugare l’anguilla con una manciata di sale. Ma anche la carta di giornale è adatta. Se avete ancora delle anguille davanti a voi, potete lasciare la bava e mettere l’ animale nel congelatore . Una volta scongelato, la melma può essere facilmente sciacquata sotto l’acqua corrente. Consiglio di usare un tubo da giardino, perché chissà che la melma non faccia puzzare le tubature della cucina.

Eviscerare e spellare l’anguilla

Si consiglia di spellare l’anguilla dopo l’eviscerazione per facilitare la rimozione della pelle e preservare la consistenza della carne. La spellatura dell’anguilla è spesso considerata più difficile dell’eviscerazione, ma richiede una certa pratica per essere eseguita in modo efficace.

Bestseller No. 1
No Smoking
No Smoking
No Smoking; dvd; Marceau,Giraudeau,Marceau,Giraudeau; Azema,Arditi (Attore); Audience Rating: G (audience generale)
9,99 €

Sventrare l’anguilla compatta

Ecco una tabella con i passaggi per sventrare un’anguilla:

PassoDescrizione
1Posizionare l’anguilla su una superficie di lavoro pulita.
2Tagliare l’anguilla lungo il ventre, dalla branchia alla coda.
3Estrarre con cura le interiora e rimuovere gli organi che non si desidera mangiare.
4Lavare accuratamente l’anguilla dentro e fuori con acqua fredda.
5Asciugare l’anguilla con carta da cucina e procedere alle altre fasi di lavorazione, come la spellatura o il taglio del pesce.
È importante eseguire tutti i passaggi con cura e attenzione per preparare l’anguilla in modo corretto. Assicurarsi che tutte le interiora siano state rimosse prima di procedere alla lavorazione dell’anguilla.

Fate attenzione quando sventrate l’anguilla!

Ilsangue di anguilla è velenoso. Questo non significa che bisogna farsi prendere dal panico solo perché un po’ di sangue è finito sulla pelle. Significa solo che dovreste pulire l’anguilla e non toccarvi il viso con mani insanguinate o ferite aperte. Mettete solo dei guanti o un cerotto sulle ferite e il gioco è fatto. Probabilmente non c’è bisogno di dirvi che non dovreste mangiare il sangue di anguilla crudo?

Il veleno contenuto nel sangue di anguilla è di tipo proteico. Pertanto, non è resistente al calore e il processo di cottura lo rende innocuo.

Idee per la lavorazione dell’anguilla

L’anguilla è un pesce versatile che può essere preparato in diversi modi. La carne dell’anguilla è bianca e ha una consistenza soda che si presta bene per esseregrigliata, fritta, affumicata o cotta al vapore. Prima di iniziare la lavorazione dell’anguilla, è necessario eviscerarla e spellarla. Si può poi tagliare l’anguilla a pezzi o prepararla intera. L’anguilla può anche essere trasformata in terrine, paté o zuppe.

A causa del suo elevato contenuto di grassi, l’anguilla può diventare rapidamente secca se viene cotta troppo a lungo. Pertanto, è importante scegliere il metodo e il tempo di cottura giusti per ottenere un piatto succoso e gustoso. Che siate cuochi esperti o principianti, con un po’ di pratica e le tecniche giuste potrete trasformare l’anguilla in un piatto delizioso.

A(a)llo sguardo

Dopo essere stata eviscerata, l’anguilla deve essere accuratamente lavata e asciugata prima di essere lavorata ulteriormente.

C’è unsolo modo per macellare un’anguilla: infilzarla nel collo e rimuovere direttamente gli intestini e il cuore. Si può fare con un coltello o con un ammazza-anguille. È importante posizionare il coltello esattamente sopra la colonna vertebrale, al centro dietro la testa. Altrimenti l’anguilla non morirà e soffrirà soltanto. Un colpo al collo riuscito si riconosce dal fatto che tutta la tensione del corpo scompare.

Poi, con la lama lontana dall’anguilla, tagliate il ventre dall’ano alla testa e dall’ano alla coda.

Rimuovere prima il filo di sangue e poi afferrare il rene della coda. Tenetelo stretto e tiratelo. Se tutto va bene, è possibile rimuovere tutti gli organi in una volta sola.

Quindi lavare l’anguilla in modo che non rimanga sangue di anguilla tossico e spurgare l’anguilla con un po’ di sale o metterla nel congelatore. Dopo lo scongelamento, la melma può essere lavata via sotto l’acqua corrente.

FAQ – Eviscerare l’anguilla

Ci sono differenze tra l’eviscerazione di un’anguilla e quella di altri pesci?

L’unica grande differenza è che l’incisione addominale non termina all’ano come avviene per la maggior parte degli altri pesci. L’anguilla ha ancora il rene della coda dietro l’ano, che deve essere rimosso e permette di avere una presa perfetta per rimuovere tutti gli organi.

Come posso sventrare un’anguilla da solo senza che scappi?

Le anguille sono scivolose e vere e proprie artiste della fuga. Pertanto, è necessario afferrarla saldamente. Inoltre, un asciugamano da cucina o un semplice straccio è utile per avere più presa e meno remore.

Quando sviscero un’anguilla, devo anche togliere le lische?

Rimuovere le lische? Oh, ci vorrebbero ore. No, non è necessario rimuovere le lische. Infatti, la maggior parte dei piatti a base di anguilla viene preparata senza rimuovere le lische.

Articoli correlati